Esplorare la giungla

Articolo scritto il 6 maggio 2012 nella categoria Web | icona Commenti 1 Commento

jungle

Dopo mesi passati a perfezionare il design, l’impaginazione e ogni piccolo dettaglio, il blog è finalmente pronto per la pubblicazione ed eccomi a scrivere il primo articolo.

Innanzitutto, perché ho scelto di chiamarlo “LaGiungla”?

L’uso di internet per cercare informazioni di interesse è ormai diventato parte del quotidiano, supportato dalla continua innovazione di motori di ricerca il cui scopo è quello di “catalogare” il meglio possibile il contenuto del web, per essere facilmente rintracciabile quando si effettua una ricerca specifica.

Ma spesso intraprendere una ricerca su di un particolare argomento può essere paragonato ad esplorare una vera giungla. Non formata da alberi e animali selvaggi, ma satura di informazioni di ogni tipo: rimandi, copiature, depistaggi, truffe celate. Trovare quello che vuoi richiede armarti di pazienza e parecchia esperienza, per distinguere quello che può esserti davvero utile dalla miriade di contenuto-spazzatura che ti fa perdere tempo, invitando a cliccare questo, visitare quello, etc.

Per fare un esempio c’è stato un periodo in cui mi sono lasciato affascinare dalle cosidette “teorie cospirazioniste” e ho voluto saperne di più: ricordo le ore passate (ora direi: buttate) a leggere intere pagine di testi, confrontandole tra loro per cercare di arrivare a una qualche possibile verità. Il volume di informazioni là fuori è immenso, e il problema più grosso è che è raro avere la possibilità di rintracciarne la vera fonte, e di conseguenza la veridicità.

Ai tempi degli antichi greci, tra i sofisti si era sviluppata l’eristica: il concetto di base era che l’argomentazione logica e razionale non è altro che uno strumento che può essere usato per far valere qualsiasi tesi. Si organizzavano vere e proprie competizioni, nelle quali gli interlocutori usavano la retorica per “smontare” il ragionamento dell’avversario. Non era quindi la verità il centro della questione, ma la persuasione.

Questo per suggerire che frequentemente, specie su materie controverse, ti accorgi che puoi trovare lo stesso numero di argomentazioni, articoli o saggi sia a favore, sia contro una stessa tesi. Questo è amplificato per argomenti quali religione, idee politiche, storia, teorie sociali e complottistiche.

Cosa considerare autentico e valido allora, in questa “giungla” di idee?

Solo il cuore e l’intuizione possono guidarti. Il mio proposito è quello di scrivere di quello che mi interessa, riportando quelle che considero le fonti migliori. Così da creare una buona base per una discussione aperta ai tuoi commenti e al tuo punto di vista.

Il giudizio finale, quello spetta a te. ;)


  1. Zachery scrive:

    Codesto post è veramente scritto bene, nello stesso modo in cui tutto il il pagina web generalmente.
    Sono un affezionato, non mollate.

    scopri codesto indirizzo

Crea il tuo avatar personale con Gravatar!